MICOLOGIAMESSINESE

 

Sclerodermatales


Home CHIAVI Sommario Commenti Novitą Glossario

 

 

 

Indice fotografico
Indice Funghi
Nomi dialettali
Monti Peloritani
MONTI NEBRODI
Attivitą
Tossicita
CONSIGLI
RICETTE
ALBERI
LIBRI
REGOLAMENTI
Andar per funghi
STORIA
POESIA
VACANZE

 

Gasteromiceti epigei

Sclerodermatales

 

Genere Pisolithus

Carpofori a forma di clava, piriformi o capitulati, Ų 3-12 cm, con base sterile a forma di gambo o radicante, sovente ramificata o incrostata di sabbia, con filamenti miceliari gialli. Gleba che si suddivide in particelle della grandezza di un chicco di riso chiamati peridioli, che si liberano a maturazione.

Pisolithus arhizus  (Persoon) Rauschert

Pisolithus tinctorius  (Mich.: Pers.) Coker & Couch

Pisolitus arenarius   A. & S. - Polysaccum pisocarpium Fr.

Funci Catatunfuli, tirituffole, tartufo dei poveri, loffa, tabbaccu, caratonfolo, polvoraccio, sporborone, ghiffa, tirituppitu.

Sporocarpo: 4-12 cm, piriforme o claviforme, con peridio sottile, ocra-brunastro quindi bruno scuro, inizialmente liscio, a maturitą fragile, screpolantesi apicalmente e rivelando una massa di spore bruno-cannella.

Gleba: Inizialmente compatta, soda e burrosa, marmorizzata, simile ad un fico secco per la presenza di cellette a mosaico, 1-5 mm, divise da pareti e formanti pseudoperidioli, disposti a strati, pił grossi verso l'alto, poi dissolventosi in polvere sporale ad iniziare dall'alto. Odore piacevole, fungino.

Gambo: Pseudogambo sterile di 3-18 cm di altezza, fibroso, internamente giallastro, infisso profondamente nel terreno, talvolta ramificato, di colore ocraceo, oliva-bruno, con macchie gialle.

Microscopia: Spore bruno ocracee in massa, sferiche e aculeate, di dimensioni molto variabili: 7-12 µm. Ife con giunti a fibbia.

Habitat: Cresce infossato semiipogeo oppure completamente emergente in terreni sabbiosi o tipicamente impoveriti, anche su rocce brulle, presso cisto (Cistus salvifolius e monspeliensis) o ai bordi di conifere termofilo-mediterranee, dall'estate all'autunno. Considerato raro, cresce comunemente sui Monti Peloritani e sui Nebrodi di Messina.

Commestibilitą: consumato dall'antichitą, commestibile da giovane e immaturo quando cresce ancora ipogeo ed ha una consistenza soda (chiamato anche tartufo di Boemia o dei poveri), sembra abbia sapore di fegato di maiale se cotto al sugo. A maturitą non commestibile, polveroso, ma puņ servire per colorare risotti.

Ingrandisci Pisolithus arhizus

 

Crescita su roccia             

 

Spore

Note:  Pisolithus arhizus o Pisolithus tinctorius

venne illustrato gią nel 1697 da Paolo Boccone  nella sua opera "Museo di piante rare" dove venne indicato con il nome "Catatłnfuli" con cui veniva chiamato dalle donne di Messina che lo impiegavano per tingere i panni, oltre che come commestibile.

Differisce dagli Scleroderma per il peridio sottile e disgregabile e per la gleba che matura a strati a partire dalla sommitą.

 

Genere Scleroderma

Carpofori parzialmente affossati, subglobosi, duri, con peridio robusto, granuloso o verrucoso, che si aprono con una lacerazione, gleba per poco tempo bianca, poi violacea marmorizzata, infine nerastra.

 

Scleroderma cepa Pers.

Peridio: coriaceo ma elastico, 1-2 mm, di spessore maggiore verso la base, giallo paglierino in sezione, liscio o screpolato in larghe areole poligonali, ci colore giallo oro, giallo bruno, pił bruno alla sommitą.

Deiscenza: per apertura irregolare lungo le profonde screpolature apicali, spesso formanti fino a 7 lobi appuntiti ed aperti a stella.

Gleba: inizialmente biancastra e marmorizzata, poi bruno scuro, infine pulverulenta.

Gambo: fascio basale di rizomorfe variabili, alle volte ben sviluppate e formanti un corto pseudopiede.

Habitat: cresce dall'estate all'inverno nelle regioni calde e assolate, sia in boschi acidi che in terreni aridi e sabbiosi.

Commestibilitą: tossico come tutti gli Scleroderma.

Microscopia: spore bruno scuro, sferiche, con aculei ricurvi, dimensioni variabili, misure rilevate:

(10.9) 11.1 - 13.8 (14.1) x (10.4) 10.9 - 13.4 (13.9) µm

Q = 1 - 1.07 (1.1) ; N = 25

Me = 12.7 x 12.3 µm ; Qe = 1

 

Note:  Scleroderma cepa si distingue per la forma globosa spianata, il colore giallo oro, giallo bruno, la superficie liscia o screpolata a larghe maglie, il peridio sottile 1-2 mm, rizomorfe basali spesso ben sviluppate, le spore sferiche 8-14 ornate da aculei singoli pił scuri.

Scleroderma citrinum possiede analoga colorazione gialla ma possiede larghe verruche ed il peridio č di spessore maggiore 2-4 mm.

Scleroderma areolatum non possiede colorazione gialla ma bianco rosato poi bruno caffč, peridio inferiore a 1 mm, areole piccole e regolari.

Scleroderma verrucosum si presenta pił schiacciato alla sommitą, possiede un evidente pseudogambo con una folta coda di cordoncini miceliari e rizomorfe, colorazione normalmente non gialla, peridio inferiore a 1 mm, superficie screpolata in piccole areole o squamette piatte, spore ben pił piccole che non raggiungono gli 11 µm.

 

Scleroderma polyrhizum (J.F. Gmel.) Pers.

Scleroderma geaster var. siculum (Raf.) Sacc.

Peridio: coriaceo, duro, di notevole spessore, 5-10 mm, anche pił alla base, da grigio chiaro, paglierino a grigio alutaceo, liscio o bitorzoluto, alle volte con larghe squame o profondamente screpolato a secco.

Deiscenza: a maturitą deiscente irregolarmente o a stella di 4-7 lobi,  esponendo il globo centrale a forma di coppa contenente la gleba matura, costituita da polvere sporale compatta.

Gleba: marmorizzata, costituita da cellette 2-4 mm, tondeggianti, riempite di spore immerse in una trama biancastra. Con la maturazione assume colorazione grigio violaceo, bruno nerastro.

Gambo: sessile, con larga base provvista di cordoncini miceliari

Habitat: parzialmente ipogeo o infossati quasi a metą, pił affioranti a maturazione, gregario, o con pił esemplari riuniti, alle volte concresciuti ma con gleba distinta, cresce in terreni argillosi o sabbiosi, nelle radure ed ai margini dei boschi dall'estate all'autunno.

Commestibilitą: tossico come tutti gli Scleroderma.

Microscopia: Spore bruno tabacco, subsferiche, punteggiati da fini aculei che formano un pseudoreticolo, 7-11 µm. Ife con giunti a fibbia.

 

Note:  Scleroderma polyrhizum (o Polyrrhyzum) si presenta irregolarmente globoso o a forma di cipolla, con diametro fino a 15 cm, sempre ± infossato, con peridio di spessore fino a 10 mm, liscio o leggermente squamoso, screpolato col secco, da grigio chiaro a bruno-giallastro, spesso con pił esemplari riuniti o concresciuti, a maturitą si apre irregolarmente o a stella. Gleba marmorizzata, poi bruno nerastra, pulverulenta.

Il peridio di notevole spessore lo differenziano facilmente dalle altre specie.

Scleroderma meridionale presenta la stessa deiscenza a stella ma possiede un pseugogambo ed il peridio non supera i 3 mm.

Vedi anche altri Gasteromiceti: Genere Lycoperdon

 

 

 

Chiavi Funghi
Agaricus
Ag. - Au.
Amanita
Armillaria
Boletus
Boletopsis-Battarrea
Cantharellaceae
Coprinus s.l.
Cortinarius
C- Clitocybe
D- Daldinia
E- Entoloma
F- Fistulina
G - Gyroporus
Helvella
H - Hygrophorus
Hypholoma
Inonotus
Lactarius
Leccinum
L- Limacella
Lycoperdon
Macrolepiota
M-Morchella
Nyctalis
O-Oudemansiella
Phallus
Pholiota
Pleurotus
P - Psilocybe
Ramaria- R
Russula
Sclerodermatales
Suillus
S- Stropharia
T-Tricholoma
Volvariella
X-Xerocomus


Cerca nel sito

Per cercare nella pagina utilizza il tasto "trova" del browser (CTRL+F)

 




Home Su Agaricus Specie Ag-Au Amanita Armillaria Boletus Boletopsis Cantharellus Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Specie G Helvella Specie H Hypholoma Specie I Genere  Lactarius Genere Leccinum Specie L. Lycoperdon Macrolepiota Specie M Specie N Specie O Specie P Phallus Pholiota Pleurotus Russula Specie R Sclerodermatales Suillus Specie S Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

Pagine viste dal 08/6/2014 

Privacy Policy

© 2003-2015 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Contatti