MICOLOGIAMESSINESE

 

Amanita caesarea


Home CHIAVI Sommario Commenti Novità Glossario

 

 

 

Indice fotografico
Indice Funghi
Nomi dialettali
Monti Peloritani
MONTI NEBRODI
Attività
Tossicita
CONSIGLI
RICETTE
ALBERI
LIBRI
REGOLAMENTI
Andar per funghi
STORIA
POESIA
VACANZE

 

Amanita caesarea (Scopoli) Persoon

  • Sinonimi:
    Agaricus aurantiacus Bull.
    Agaricus aureus Batsch
    Agaricus caesareus Schaeff.
    Agaricus caesareus Scop.
    Amanita aurantia Lam.
    Amanita aurantiaca Pers.
    Amanita caesarea f. lutea (Gillet) Neville & Poumarat
    Amanita caesarea var. alba Gillet
    Amanita caesarea var. aurantia Gillet
    Amanita caesarea var. lutea Gillet
    Amanita caesarea var. rubra Gillet
    Fungus caesareus (Schaeff.) Kuntze
    Venenarius caesareus (Scop.) Murrill
    Volvoamanita caesarea (Scop.) E. Horak

Nomi volgari: Fungo reale, Ovolo, Ovulo buono, Ovulu, Cesaria, Oronge, Cocco, Coch, Funci d'ovu.

Il nome deriva da "Caesareus" = "di Cesare" imperatore romano e denota la sua importanza.

Amanita cesaria  

Amanita caesarea

Cappello: 6-15 cm, da emisferico a convesso, infine piano, liscio, con margine nettamente striato. Cuticola appena vischiosa, di colore arancio vivo, rosso-arancio, con rari lembi membranacei, bianchi, di velo generale.

Lamelle: Lamelle libere, fitte, poco ventricose, gialle, con poche lamellule.

Gambo: 6-18 x 1-3 cm, cilindrico, pieno, poi midolloso, asciutto e finemente pruinoso, giallo.  Anello apicale, ampio e membranoso, persistente, pendulo, striato, di colore giallo.

Carne: Soda e consistente, poi flaccida, di colore bianco, gialla sotto la cuticola e sotto lo strato esterno del gambo. Odore e sapore debole, gradevole, a maturità sgradevole, di odore cattivo.

Habitat: Cresce, rapidamente, con clima caldo-umido da agosto a settembre in boschi termofili di Querce e Castagni, su substrarti acidi.

Commestibilità: tra le specie del Genere, l'Amanita cesarea è una delle poche specie a non possedere tossine termolabili o stabili. Ottimo commestibile, è apprezzata da cruda allo stadio di ovolo e comunque da giovane. Sgradevole e di odore cattivo a maturità. Eliminare il velo generale, stopposo, e consumare esemplari freschissimi.

Microscopia: Spore bianche in massa, ellissoidali, non amiloidi, 9-11 x 6-7 µm.

Note: l'Amanita caesarea si distingue per il colore sempre giallo delle lamelle, del gambo e  dell'anello, per il cappello emisferico color arancio e per l'ampia volva membranosa bianca.

Può essere scambiata con le seguenti specie con cappello di colore simile:

  • Amanita crocea: tossica cruda, è più esile e campanulata, non possiede anello, le lamelle sono bianche ed il gambo è di colore bianco o appena soffuso di ocraceo.

  • Amanita muscaria e la sua forma aureola, molto tossiche anche cotte, possiedono volva non membranosa ma dissociata in verruche, il cappello è più o meno cosparso di piccole verruche tondeggianti bianche (assenti nella f. aureola),  le lamelle, il gambo e l'anello sono di colore bianco.

  • Amanita phalloides è di colore completamente diverso che va dal bianco al giallo verde oliva; le lamelle, il gambo e l'anello sono bianchi. Si può scambiare solo allo stadio di ovolo chiuso (raccolta vietata) quando i suoi colori non sono ancora visibili.

Attenzione:  vietata la raccolta di Amanita caesarea allo stadio di ovolo chiuso e con diametro del cappello inferiore a 3 cm.

 

Amanita caesarea f. lutea (Gillet) Neville & Poumarat

La forma lutea dell'Amanita caesarea si distingue per la cuticola di colore giallo, giallo limone, giallo-verdino. Il gambo ed il filo lamellare sono colorati di giallo tenue.

Trovata nel 2015 e nel 2016 nei boschi delle Caronie in una zona ricca di Amanita caesarea nella forma tipica.

Possono assumere questa colorazione gialla anche esemplari parassitati da Mycogone rosea, in tal caso gli esemplari sono ricoperti da una muffa rosata, sono più pesanti ed hanno un odore cattivo.

Se ne sconsiglia il consumo.

Gli esemplari meno colorati possono essere scambiati per Amanita phalloides che si distingue per il cappello con margine non striato, per il gambo bianco e con base bulbosa.

Amanita caesarea f. lutea

 

Cerca nel sito

Per cercare nella pagina utilizza il tasto "trova" del browser (CTRL+F)

 

Chiavi Funghi
Agaricus
Ag. - Au.
Amanita
Armillaria
Boletus
Boletopsis-Battarrea
Cantharellaceae
Coprinus s.l.
Cortinarius
C- Clitocybe
D- Daldinia
E- Entoloma
F- Fistulina
G - Gyroporus
Helvella
H - Hygrophorus
Hypholoma
Inonotus
Lactarius
Leccinum
L- Limacella
Lycoperdon
Macrolepiota
M-Morchella
Nyctalis
O-Oudemansiella
Phallus
Pholiota
Pleurotus
P - Psilocybe
Ramaria- R
Russula
Suillus
S- Stropharia
T-Tricholoma
Volvariella
X-Xerocomus

 

Home Su Amanita caesarea Amanita muscaria Amanita pantherina Amanita phalloides Amanita ponderosa

Pagine viste dal 08/6/2014 

Privacy Policy

© 2003-2015 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Contatti