MICOLOGIAMESSINESE

Precedente Home Successiva

Indice Funghi

 

Hygrophoropsis aurantiaca, Hohenbuehelia petaloides

e altre specie interessanti:

 

Hohenbuehelia petaloides (Bull.) Schulzer
Hohenbuehelia geogenia (De Candolle) Singer

Hohenbuehelia geogenia petaloides   Hohenbuehelia petaloides

Cappello: 3-14 cm, a forma di imbuto aperto da un lato oppure spatoliforme, a forma di ventaglio dall'orlo irregolare. Margine incurvato e poi ondulato e lobato. Cuticola liscia, gelatinosa, vischiosa. Color camoscio-ocra, nocciola, bruno-ocraceo, bruno scuro.

Imenoforo: Lamelle molto decorrenti, fitte e basse, bianche, poi color crema.

Gambo: 1-4 x 0,5-1,5 cm, cortissimo, eccentrico o laterale, duro, biancastro, grigio-ocraceo, con pelosità bianca.

Carne: Dura e coriacea, bianca. Sapore e odore di farina.

Habitat: Cresce gregaria o a cespi in autunno o raramente in primavera,  su ceppi morti o residui legnosi interrati di latifoglie. Raro, trovato sui Nebrodi. Exsiccatum in erbario personale.

Commestibilità: Commestibile da giovane. Ha carne dura e stopposa ma gradevole.

Microscopia: Spore bianche in massa, ellittiche, lisce, con granulazioni, nostre misure: (6)6.1-7.2(7.8) x (3.5)4-4.5(4.9) µm.

Q = (1.4) 1.5 - 1.7 (1.9) ; Me = 6.7 x 4.2 µm ; Qe = 1.6.

Ife dello strato gelatinoso erette obliquamente verso la sommità.

spore Hohenbuehelia petaloides

Hohenbuehelia petaloides o geogenia

Note: Hohenbuehelia petaloides si distingue per lo strato gelatinoso sul cappello.

Può essere scambiata, a prima vista, per Pleurotus eryngii e varietà o anche per Lentinellus cochleatus.

 

 

 

Hygrophoropsis aurantiaca (Wulf. : Fr.) Maire

 

Hygrophoropsis aurantiaca  Hygrophoropsis aurantiaca  Hygrophoropsis aurantiaca

Hygrophoropsis aurantiaca

Cappello: 3-8 cm, da convesso spianato ad imbutiforme, con margine involuto, poi disteso, ondulato. Cuticola finemente vellutata, poi liscia, di colore giallo arancio, bruno arancio, con margine più chiaro o biancastro.

Imenoforo: lamelle leggermente decorrenti, fitte, biforcate o ramificate, prive di lamellule, a maturità con anastomosi, di colore giallo arancio.

Gambo: 2-6 mm x 2-6 cm, alcune volte eccentrico, cilindrico, attenuato alla base, fibroso, inizialmente pieno poi cavo, prima arancio concolore al cappello, poi bruno rossiccio.

Carne: Spugnosa, molle, fibrosa nel gambo, di colore giallo arancio. Odore erbaceo. Sapore gradevole.

Habitat: Cresce su trucioli e pigne marcescenti di conifere, dall'estate all'autunno inoltrato, isolata o in piccoli gruppi, alle volte fascicolata.

Microscopia: Spore giallo pallido in massa, ellissoidali, ialine, 5-7 x 3,5-5 µm.

Commestibilità: Non commestibile, sospetto di azione psicotropa.

 

Note: Hygrophoropsis aurantiaca si riconosce per il colore giallo arancio in tutte le sue parti, le piccole dimensioni, la superficie vellutata, la crescita su residui legnosi di conifere e per le lamelle ramificate. Esistono anche alcune varietà:
Hygrophoropsis aurantiaca
var. lactea tutta bianca;
Hygrophoropsis aurantiaca
var. pallida con le lamelle biancastre;
Hygrophoropsis aurantiaca var. nigripes con il gambo bruno, vellutato.

Per le lamelle anastomosate ed il colore giallo arancio può essere scambiato per un piccolo Cantharellus cibarius: si differenzia per il gambo sottile, cavo, non carnoso, la carne gialla, le lamelle vere e quindi più alte.

 

 

Vedi anche le pagine:

 

 

Hydnum repandum  L.: Fries

 

Fungi, Basidiomycota, Agaricomycotina, Agaricomycetes, Cantharellales, Hydnaceae, Hydnum.

 

Hydnum repandum   Hydnum repandum

Hydnum repandum

Note: Facilmente riconoscibile per gli aculei che costituiscono l'imenoforo, può essere confuso con Hydnum rufescens dai colori più arancio-rossastri, aculei non decorrenti e sapore più amaro.

Viene spesso confuso con Cantharellus cibarius da chi raccoglie con poca attenzione funghi a scopo gastronomico senza badare all'imenoforo.

 

Vedi nuova SCHEDA COMPLETA

 

 

 

Hydnum rufescens Fries

 

Fungi, Basidiomycota, Agaricomycotina, Agaricomycetes, Cantharellales, Hydnaceae, Hydnum.

 

  Hydnum rufescens  Hydnum rufescens  Hydnum rufescens  Hydnum rufescens aculei

Hydnum rufescens

 

Note: Si caratterizza per l'imenoforo ad aculei, si distingue da Hydnum repandum per il portamento più esile, gli aculei non decorrenti sul gambo, il cappello dai colori più vivaci, da arancio carico ad ocra rossiccio, dal sapore più amaro e per le spore leggermente più grandi.

 

Vedi nuova SCHEDA COMPLETA

 

 

 

Hericium clathroides (Pall.) Pers.

Hydnum clathroides Pall.

Fungi, Basidiomycota, Agaricomycotina, Agaricomycetes, Russulales, Hericiaceae, Hericium.

Hericium clathroides  Hericium clathroides

 

Basidioma riccamente coralloide, dall’apparenza soffice e muschioso, con un diametro fino a 20 cm, di colore bianco con riflessi rosati e ocra sui rami più vecchi, composto da una base radicante da cui si dipartono ramificazioni piatte, sempre più sottili, terminanti in aculei ordinati, penduli, lunghi fino a 10 mm.

 

Vedi nuova SCHEDA COMPLETA

 

 

Vedi anche pagina: Genere Helvella

Helvella acetabulum  Helvella crispa  Helvella elastica  Helvella lacunosa  Helvella leucomelaena  Helvella spadicea

 

 

Vedi anche pagina: Genere Hygrophorus

Hygrophorus aureus  Hygrophorus hypothejus  Hygrophorus_marzuolus

 

Vedi anche Genere Hypholoma

Hypholoma radicosum

 

 

Vedi tutte le specie trattate nell' Indice fotografico

 

 

Vedi anche le schede contenute nelle seguenti pagine:

Home Su Agaricus Specie Ag-Au Aleuria Amanita Armillaria Ascomycetes Auricularia Boletus Boletopsis Calocybe Cantharellaceae Clavarie Clitocybe Collybia Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Ganoderma Specie G Gymnopilus Gyroporus Helvella Specie H Hydnum Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Lyophyllum Macrolepiota Specie M Morchella Mycena Mycenastrum Nyctalis Specie O Oudemansiella Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Polyporales Psathyrella Ramaria Russula Specie R Specie S Sclerodermatales Stropharia Suillus Tapinella Tremella Tricholoma Specie V Xerocomus

 

Micologiamessinese.it

İ 2003-2024 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.

E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy