MICOLOGIAMESSINESE

Indietro     Home    Indice    Avanti

Boletopsis e Battarrea

 

Battarrea phalloides (Dicks) Person

Battarraea phalloides (var. nom.)

Ordine: Agaricales. Famiglia: Agaricaceae.

 

Battarrea phalloides Battarrea phalloides

Battarrea phalloides

Carpoforo: Gasteromicete inizialmente di forma ovoidale, 4-5 cm, con un peridio molle, membranoso ed internamente spesso gelatinoso; poi il peridio si lacera lasciando fuoriuscire il capitulo, spinto e sorretto dal  gambo molto lungo mentre alla base rimane una specie di volva.

Peridio: formato da due strati: uno esterno protettivo (Esoperidio) che permane alla base ed Ŕ alle volte presente sotto forma di brandelli sulla sommitÓ;  l'altro strato, interno (Endoperidio), sottile, rigido, bianco, ricoprente la gleba e sollevato con essa, caduco in vecchiaia al disseccamento della gleba.

Capitulo: vassoio contenente la gleba, sorretto dal gambo, a forma di disco, 3-7 cm di diametro, di consistenza membranosa e di colore bianco.

Gleba: a maturazione  formata da polvere compatta ma facilmente friabile, di colore ocra carico, frammista a spezzoni di capillizio a forma di spirale.

Gambo: 15-30 x 1-2,5 cm, cilindrico, eretto, cavo, legnoso, sfilacciato in superficie in fitte squame fibrose irsute. Base con volva inizialmente gelatinosa, poi secca e sottile.

Habitat: Inizialmente ipogeo, cresce in estate in terreni sabbiosi, lungo i litorali, vicino al mare. Ritrovata sotto cipresso. Exsiccatum in erbario personale.

CommestibilitÓ: non commestibile.

Microscopia: Spore bruno ruggine in massa, subglobose, finemente verrucose, 4,5-6 Ám.

Ife del Capillizio frammentate in segmenti, internamente spiralati, chiamati "elatÚri".

Elateri e spore Battarrea phalloides  

Elateri e spore di Battarrea phalloides in acqua

Note:  Battarrea stevenii, considerata separata per il gambo pi¨ lungo e per la volva non gelatinosa, Ŕ stato dimostrato trattasi della stessa specie con differenze riconducibili a condizioni climatiche ed ambientali.

Posizione Sistematica: Battarrea phalloides, prima  inserita nell'Ordine Tulostomatales, Famiglia Battarreaceae, accanto alla Famiglia Tulostomataceae, dopo studi molecolari Ŕ risultata affine alle Agaricaceae dove Ŕ stata inserita.

 

Altre foto e indicazioni


Boletopsis

 

Boletopsis grisea (Peck) Bondartsev & Singer, 1941

Ordine: Thelephorales. Famiglia: Bankeraceae.

Boletopsis grisea

Boletopsis grisea

Cappello: 6-18 cm, inizialmente convesso, poi piano convesso con superficie liscia, di colore iniziale bianco, poi bianco grigiastro, infine grigio fumo, virante al grigio allo strofinio; bordo a lungo involuto, ondulato.

Imenoforo: arcuato, composto da tubuli molto corti, non separabili, decorrenti sul gambo, crema-giallini. Pori molto fitti, indistinti, poi poligonali, a lungo bianchi.

Gambo: 3-6 x 2-3 cm, corto, liscio, assottigliato in alto, allargato nella parte mediana e attenuato alla base, per gran parte infisso nel terreno, bianco, poi ingrigente a partire dalla base.

Carne: compatta, non marcescente, bianca, appena leggermente virante al grigio rosato al taglio, sapore sgradevole, amarognolo dopo lunga masticazione; odore scarso, fungino.

Habitat: trovato isolato in boschi di Pinus pinea con macchia mediterranea, in autunno sui Monti Peloritani di Messina. Exsiccatum in erbario personale.

Microscopia: spore angolose, nodulose, pi¨ o meno irregolarmente ampie, 4-7 Ám. Basidi clavati, bisporici e tetrasporici.

CommestibilitÓ: non commestibile.

Note: pu˛ essere confuso con Gyrodon lividus che possiede imenoforo decorrente, biancastro, poi giallo, cuticula giallo ocra e habitat in luoghi acquitrinosi.

Boletopsis leucomelaena (Pers.) Fayod, 1889 possiede colorazioni grigio brune fino a nerastre.

 

 

Boletopsis leucomelaena (Pers.) Fayod, 1889

Ordine: Thelephorales. Famiglia: Bankeraceae.

 

Boletopsis leucomelaena Boletopsis leucomelaena

 

Cappello: 5-15 cm, inizialmente convesso, poi piano convesso, infine disteso, con superficie liscia o screpolata col secco, di colore grigiastro, poi grigio bruno, infine bruno nerastro, tendente a scurire allo strofinio,  bordo a lungo involuto, ondulato.

Imenoforo: arcuato, tubuli molto corti, non separabili, adnati o poco decorrenti sul gambo, biancastri. Pori inizialmente molto fitti, a maturitÓ aperti irregolari, allungati al bordo, con accenno di labirinto, a lungo bianchi, grigio brunastro chiaro in vecchiaia.

Gambo: 3-7 x 1-3 cm, corto, liscio, cilindrico o  allargato nella parte mediana, attenuato alla base, di colore grigio scuro in contrasto con una zona pseudoanulare, sotto l'imenoforo, bianca,  tendente a scurire allo strofinio.

Carne: fibrosa, compatta, tenace, bianca, lentamente leggermente virante al grigio al taglio, sapore sgradevole, sorboso, non amaro; odore scarso, fungino.

Habitat: cresce a gruppi, trovato in boschi di Pinus pinea con  Leccio, dall'autunno ad inizio inverno sui Monti Peloritani. Exsiccatum in erbario personale.

CommestibilitÓ: non commestibile.

Microscopia: spore gibbose, nodulose, 4,5-6 x 3,5-5 Ám. Basidi clavati, tetrasporici, 18-30 x 5-8 Ám.

spore Boletopsis leucomelaena  

Spore    e    Basidi

Note: Boletopsis leucomelaena rispetto a Boletopsis grisea possiede una colorazione pi¨ scura di cappello e gambo, imenoforo non o poco decorrente sul gambo, sapore non amaro, dimensioni spesso inferiori.

 

 

 

Buchwaldoboletus hemichrysus (Berk. & Curt.) PilÓt

Pulveroboletus hemichrysus  (Berk. & Curt.) Singer

Boletus hemichrysus Berk. & M.A. Curtis

Boletus sulphureus  Fries

Ordine: Boletales. Famiglia: Boletaceae.

Buchwaldoboletus hemichrysus  Buchwaldoboletus hemichrysus
  Buchwaldoboletus hemichrysys = Pulveroboletus hemichrysus

Cappello:  5-15 cm, inizialmente emisferico, poi convesso, infine guancialiforme, con margine eccedente a lungo involuto. Cuticola finemente vellutata, screpolata col secco, poi liscia, untuosa o vischiosa, di colore giallo-zolfo, giallo-oro, a maturitÓ giallo-bruno.

Imenoforo: Tubuli molto corti, da adnati a decorrenti, di colore giallo, giallo-verdastro, al taglio virano al verde-azzurro. Pori piccoli, concolori ai tubuli, macchiati di ruggine a maturitÓ, al tocco virano al verde-azzurro.

Gambo: 5-12 x 2-4 cm, cilindrico o cilindrico-ventricoso, con base affusolata, finemente pruinoso da giovane, poi liscio o con fini granulazioni brune, giallo concolore al cappello, con base rosso-bruna.

Carne: Compatta, poi molle, gialla, vira al taglio al verde-azzurro soprattutto sopra i tubuli ed alla base del gambo. Sapore leggermente acidulo o di liquirizia.

Habitat: Specie rara, cresce in ambiente mediterraneo, spesso a piccoli gruppi, su tronchi morti o ceppaie di pino domestico (Pinus pinea). Esemplari in foto ritrovati all'estremitÓ iniziale dei Monti Peloritani, nei pressi di Salice (Me) su tronco marcio di pino.

Microscopia: Spore lisce, ellittiche, bruno olivastre in massa, 5,5-11 x 2,5-5 Ám. Cistidi con punte allungate, 17-35 x 6-7 Ám.

CommestibilitÓ: non commestibile per la carne scadente, molliccia.

 

Note: Alcuni Autori preferiscono inserire la specie nel genere Pulveroboletus.
Si distingue per l'habitat lignicolo, preferibilmente su Pinus pinea, in ambiente mediterraneo, l'imenoforo molto corto, di forma concava, decorrente sul gambo, la completa colorazione giallo oro dei carpofori giovani e il viraggio della carne all'azzurro.

Buchwaldoboletus lignicola Ŕ simile, si distingue per la taglia pi¨ piccola, la cuticola pruinosa, i pori pi¨ ampi, il gambo corto, ocra-fulvo, ocra-bruno e, soprattutto, per l'habitat alpino o nord europeo, su conifere diverse.

 

 

 


Indietro     Home    Indice    Avanti

Home Su Agaricus Specie Ag-Au Aleuria Amanita Armillaria Ascomycetes Auricularia Boletus Boletopsis Calocybe Cantharellaceae Clavarie Clitocybe Collybia Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Ganoderma Specie G Gymnopilus Gyroporus Helvella Specie H Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Genere Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Mycenastrum Nyctalis ASTEROPHORA Specie O Oudemansiella Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Polyporales Psathyrella Ramaria Russula Specie R Sclerodermatales Stropharia Suillus Specie S Tapinella Tremella Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

 

Pagine viste dal 08/6/2014   

Utenti connessi

 

ę 2003-2021 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario

Contatti