MICOLOGIAMESSINESE

 

Cantharellus


Home CHIAVI Sommario Commenti NovitÓ Glossario

 

 

 

Home
Indice fotografico
Indice Funghi
Nomi dialettali
Monti Peloritani
MONTI NEBRODI
AttivitÓ
Tossicita
CONSIGLI
RICETTE
ALBERI
LIBRI
REGOLAMENTI
Andar per funghi
STORIA
POESIA
VACANZE


Cantharellaceae

Generi Cantharellus, Craterellus e Pseudocraterellus

 

Cantharellus amethysteus (QuÚl.) Sacc.

Cantharellus cibarius var. amethysteus QuÚl.

Cappello: 1-6 cm, convesso, con superficie bitorzoluta, ondulata e bordo involuto molto undulato, di colore giallo o giallo arancio, ricoperto da squamette evidenti e da pruina di colore intenso lilacino violetto.

Imenoforocostituito da pieghe pseudolamellari basse e spesse, molto decorrenti, anastomosate, completamente gialle.

Gambo: 2-5 x 0,5-1,2 cm. pieno, giallino, sfumato di rossiccio o violetto o che si macchia di tale colore al tocco.

Carne: bianca, al taglio lentamente appena rosata, spessa e piuttosto fibrosa. Sapore leggermente amaro. Odore non particolare.

Habitat: Cresce in boschi di latifoglie dall'estate all'autunno.

Microscopia: Spore ellittiche  12-12,5 x 5-7 Ám.

CommestibilitÓ: commestibile meno gustoso rispetto C. cibarius.

 

Note:  Cantharellus amethysteus Ŕ caratterizzato dalle squamette sul cappello di colore ametista, le pseudolamelle basse e spesse, il gambo corto.

Simile Cantharellus ianthinoxanthus almeno nelle forme con colorazioni lilla ma privo di squame. Cantharellus lilacinopruinatus possiede cappello ricoperto da pruina lilacina e scaglie appressate, carne sottile e molle.

 

Cantharellus cibarius (Fr.: Fr.) Fries

Galletti, Gallinacci, Finferli, Cresta de gallo, Ciurrittu, Cricchia di jaddu, Jadduzzu, Cantarello.

Cappello: 3-10 cm, carnoso irregolare, inizialmente convesso, poi aperto con lobature e orlo a lungo involuto, infine disteso e ▒ depresso al centro fino a imbutiforme. Liscio glassato, brillante, di colore giallo, giallo pallido, giallo uovo.

Lamelle: Pseudolamelle pi¨ simili a nervature, poco profonde, decorrenti al gambo, gialle, giallo-crema.

Gambo: 3-7 x 1-2,5 cm, corto, sodo, cilindrico attenuato verso la base, pieno, a maturitÓ gommoso, giallo come il cappello. 

Carne: Compatta, fibrosa nel gambo, bianca ma gialla sotto le superfici. Odore e sapore gradevole, fruttato, di albicocca. 

Habitat: Cresce a gruppi di vari esemplari sia presso latifoglie che presso conifere, dalla primavera all'autunno.

Microscopia: Spore da ovoidali a ellittiche, lisce o granulose, 7,5-10 x 4,6-5,6 Ám.

CommestibilitÓ: Ottimo commestibile, ricercato ed apprezzato.

(Vedi ricette)

Cantharellus cibarius.jpg (81354 byte) 

Cantharellus cibarius

Note: non possiede vere lamelle ma pliche anastomosate e carne perfettamente bianca.  

Attenzione a non confonderlo col tossico Omphalotus olearius, che possiede vere lamelle, carne giallo-arancio, alla manipolazione macchia di giallo le mani e cresce cespitoso alla base di ceppi o su radici interrate (Vedi scheda).

Di colore e carne simile troviamo Hydnum repandum e Hydnum rufescens dal sapore leggermente amaro, che hanno per imenoforo degli aculei e quindi sono facilmente distinguibili.

 

Cantharellus alborufescens (Malencon) Papetti & Alberti

Cantharellus cibarius var. alborufescens Malenšon

Note: di recente elevato dagli Autori al rango di specie, da varietÓ del Cantharellus cibarius, di cui conserva le principali caratteristiche.

Cantharellus alborufescens fa parte di un gruppo di Cantharellus con superfici ingiallenti allo strofinio.

Si differenzia per una pruina bianca che lo ricopre e che gli conferisce un colore molto chiaro, biancastro, del cappello e del gambo, con imenoforo giallo pallido. Possiede un viraggio, alla manipolazione con asportazione della pruina, al giallo e poi lentamente al rosso-bruno.  Orlo spesso lobato. Odore fruttato debole o nullo.

CommestibilitÓ: Ottimo commestibile.

Specie simili: Cantharellus ferruginascens, di dimensioni robuste, possiede cappello, imenoforo e gambo dello stesso colore, prima giallo olivastro,  schiarente a secco fino al giallo-crema, bruno ruggine allo strofinio o in vecchiaia.

Cantharellus cibarius var. bicolor  possiede cappello e gambo bianchi, imenoforo giallo vivo in forte contrasto; ingiallente allo strofinio.

Cantharellus pallens Pilßt   interamente bianco o biancastro, non o poco ingiallente allo strofinio, con imenoforo pi¨ vivace, giallo arancio senza alcuna sovrapposizione bianca.

Habitat: Cresce in boschi termofili preferibilmente di Leccio ma Ŕ stato ritrovato (Monti Peloritani) anche associato ad altre latifoglie (Quercus e Castanea) ed aghifoglie (Cedrus misto con Pinus).

 

Cantharellus ferruginascens Orton

Cantharellus cibarius var. ferruginascens (Orton) Courtec.

Cappello: 3-10 cm, noduloso con cuticola di colore giallo, ocraceo o giallo-arancio con l'umido, da giovane spesso ricoperta da una sottile pruina che con l'etÓ scompare e che gli conferisce una colorazione pi¨ chiara, sul giallo-crema, con sfumature rosee o verdine, al tocco e allo sfregamento vira al giallo-arancio e poi al bruno fulvo, fino a color ruggine; orlo involuto, lobato.

Imenoforopseudolamelle basse e strette, anastomosate e forcate, decorrenti sul gambo, color crema o con tonalitÓ verdine, olivastre, se manipolate virano subito al giallo e poi al ruggine.

Gambo: 3-7 x 1-3 cm, robusto o ingrossato al centro e con base affusolata, liscio, dello stesso colore del cappello e con uguale viraggio.

Carne: bianca in tutta la sezione con debole e lentissimo viraggio al giallo ocra, compatta, pi¨ fibrosa nel gambo, sapore mite con retrogusto acre e leggermente piccante.  Odore: gradevole, debolmente fruttato.

Habitat: Cresce a grupppi in estate o autunno in boschi caldi di latifoglie.

Microscopia: Spore ellittiche, lisce, pluriguttulate, 7,5-10 x 5-6 Ám.

CommestibilitÓ: commestibile meno pregiato rispetto a C. cibarius per il retrogusto acre.

Note: Cantharellus ferruginascens si distingue per il cappello giallo ocraceo con sfumature verdine, schiarente fino al crema, l'imenoforo inizialmente concolore, l'intenso ingiallimento e successivo imbrunimento dell'intero sporoforo alla manipolazione.

Cantharellus alborufescens possiede inizialmente cappello e gambo biancastri e imenoforo giallo.

 

Cantharellus melanoxeros Desm.

Craterellus melanoxeros (Desm.) PÚrez-De-Greg.

Cappello: 3-10 cm, convesso con depressione centrale, infine imbutiforme, orlo sottile, a lungo involuto, lobato, superficie finemente pruinosa feltrata, di colore giallo, crema-ocra, a volte con sfumature lilacine, sbiadente con la pioggia e l'etÓ.

Imenoforo:  formato da pseudolamelle irregolari, basse, decorrenti, non molto fitte, molto anastomosate e biforcate, di colore rosa-lilacino-violetto, annerenti lentamente allo strofinio.

Gambo: 3-8 x 1-1,5 cm, liscio, irregolare con scanalature e gibbositÓ, pieno ma spu, di colore giallo, biancastro alla base, rosato-lilacino verso l'alto, annerente lentamente alla manipolazione.

Carne: biancastra, debolmente violacea nella parte inferiore del gambo, lentamente ingrigente e poi annerente al taglio. Odore fruttato debole, sapore gradevole.

Habitat: cresce dall'estate all'autunno in gruppi appressati, cespitosi, facilmente separabili, in boschi di Castagno, Quercia e Nocciolo (Nebrodi, Montagnareale (ME).

Microscopia: spore ovoidali, guttulate, finemente punteggiate, 10-11,5 Î 6,2-7,0 Ám. Basidi tetrasporici.

CommestibilitÓ: buon commestibile.

 

Note:  Cantharellus melanoxeros, slanciato, di dimensioni anche notevoli, si distingue per le sfumature da giallo oro intenso a limone di pileo e stipite, per il colore lilacino delle pieghe imeniali e per la spiccata tendenza all'annerimento.

Simile Cantharellus ianthinoxanthus (Maire) KŘhner, molto raro, di taglia pi¨ minuta, con sfumature arancio rosate, con imenoforo azzurognolo e non annerente.

 

Pseudocraterellus undulatus  (Pers.) Rauschert

Cantharellus sinuosus Fr.

Craterellus crispus (Bull.) Berk

Cappello: 1-5 cm, a forma di coppa con margine nettamente lobato, crespato, frastagliato o fessurato, di colore ocra bruno, grigio bistro, bruno dattero, impallidente col secco fino a color ocra.

Imenoforo:  decorrente, quasi liscio, ridotto a pieghe ramificate poco marcate, flessuose, di colore bianco-grigiastro.

Gambo: 0,3-0,7 cm, cavo con base piena, liscio o con pieghe, dello stesso colore del cappello o leggermente pi¨ chiaro.

Carne: poco carnoso, tenera, ocra. Odore debole, sapore dolce.

Habitat: abbastanza raro cresce in numerosi gruppi quasi cespitosi, in boschi di latifoglie in autunno, trovato presso leccio e sughere (Nebrodi).

Microscopia: spore bianche in massa, ovoidali, lisce, 9-12 x 6-8 Ám. Basidi strettamente clavati, 50-70 x 6-10 Ám, cistidi assenti. Senza giunti a fibbia.

CommestibilitÓ: commestibile e gustoso come tutti i Cantharellus ma con carne poco consistente.

 

Note:  Pseudocraterellus undulatus Ŕ una specie di piccola taglia riconoscibile per l'aspetto molto arricciato del cappello, l'imenoforo quasi liscio, la crescita cespitosa e il gambo cavo con base piena.

 

Craterellus cornucopioides  (L.: Fr.) Persoon

Trombetta da morto

Corno dell'abbondanza

Cappello: 2-8 cm, a forma di piccola trombetta, profondamente imbutiforme e cava, con orlo inizialmente arrotolato che poi si allarga a grandi lobi irregolari. Di colore nero, bistro, alle volte ametistino, pi¨ chiaro, grigio-bruno e squamuloso col secco ed in vecchiaia.

Imenoforo: liscio-pruinoso, decorrente sul gambo, squamato, con rugositÓ longitudinali grigio-cenere, pi¨ chiaro con l'etÓ ed il secco.

Gambo: 4-8 x 0-6-2 cm, fusiforme, finemente rugoloso, cavo, grigio scuro o nerastro, alle volte poco evidente o assente.

Carne: Sottilissima ed elastica da giovane, friabile a maturazione, grigia, con odore gradevole e sapore dolce.

Habitat: Cresce dalla tarda estate all'autunno in gruppi di numerosi esemplari in boschi umidi di conifere o di latifoglie (castagni, querce, noccioli).

Microscopia: spore bianche in massa, lisce, ellittiche, 10-14 x 6-8 Ám.

CommestibilitÓ: Buono e gustoso commestibile da fresco, Ŕ anche utilizzato essiccato e ridotto in polvere come condimento aromatico.

 

Craterellus cornucopiodes2.jpg (122605 byte)

Craterellus cornucopioides

Note: Craterellus cornucopioides si distingue per il colore nero del cappello e per l'imenoforo liscio, sericeo, molto decorrente. Pu˛ essere confuso con Cantharellus cinereus che ha un imenoforo pseudo-lamellare ben evidente, spaziato e anastomosato, un lungo gambo, pieno da giovane poi fistoloso, di colore grigio bruno.

 

Vedi anche:

Genere Cortinarius

   

Genere Coprinus

Coprinus micaceus.JPG (119819 byte)

Altre Specie C..

  Calocybe ionides.jpg (92235 byte)   

    Clitocybe geotropa.JPG (81173 byte) 

Clitopilus prunulus.JPG (83409 byte) Coltricia perennis.jpg (87488 byte)

 

 

Vedi tutte le specie trattate nell' Indice fotografico

 

 

Chiavi Funghi
Agaricus
Ag. - Au.
Amanita
Armillaria
Ascomycetes
Boletus
Boletopsis-Battarrea
Cantharellaceae
Coprinus s.l.
Cortinarius
C- Clitocybe
D- Daldinia
E- Entoloma
F- Fistulina
G - Gyroporus
Helvella
H - Hygrophorus
Hypholoma
Inonotus
Lactarius
Leccinum
L- Limacella
Lycoperdon
Macrolepiota
M-Morchella
Mycena
Nyctalis
O-Oudemansiella
Phallus
Pholiota
Pleurotus
Polyporales
P - Psilocybe
Ramaria- R
Russula
Sclerodermatales
Suillus
S- Stropharia
T-Tricholoma
Volvariella
X-Xerocomus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Cerca nel sito

Per cercare nella pagina utilizza il tasto "trova" del browser (CTRL+F)




Home Su Agaricus Specie Ag-Au Amanita Armillaria Ascomycetes Boletus Boletopsis Cantharellus Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Specie G Helvella Specie H Hypholoma Specie I Genere  Lactarius Genere Leccinum Specie L. Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Specie N Specie O Specie P Phallus Pholiota Pleurotus Polyporales Russula Specie R Sclerodermatales Suillus Specie S Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

Pagine viste dal 08/6/2014 

Privacy Policy

ę 2003-2017 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Contatti