MICOLOGIAMESSINESE

 

Specie V


Home CHIAVI Sommario Commenti Novità Glossario

 

 

 

Home
Indice fotografico
Indice Funghi
Nomi dialettali
Monti Peloritani
MONTI NEBRODI
Attività
Tossicita
CONSIGLI
RICETTE
ALBERI
LIBRI
REGOLAMENTI
Andar per funghi
STORIA
POESIA
VACANZE


 

 

Volvariella bombycina (Schaeff.) Singer

Volvaria bombycina (Schaeff.) P. Kumm.

Cappello: 5-20 cm; da ovale a campanulato, poi largamente convesso, alle volte con largo umbone; di aspetto sericeo, ricoperto da fini peli eccedenti il margine, inizialmente bianco, poi biancastro o giallastro in vecchiaia, alle volte con lembi del velo generale.

Imenoforo: Lamelle fitte, libere al gambo, con lamellule, inizialmente biancastre, poi rosa, infine color salmone.

Gambo: 6-18 cm x 1-2 cm, più o meno cilindrico, ma di solito assottigliato all'apice, spesso curvo al fine di impostare il cappello orizzontalmente, asciutto, bianco, liscio, senza anello, base bulbosa inguainata in una volva membranosa, sacciforme, ampia e persistente, leggermente viscosa, di colore bianco-ocra o giallo-bruno.

Carne: Tenera, bianca, tendente ad ingiallire; odore leggero, rafanoide, gradevole.

Habitat: Poco comune o rara, cresce saprofita su legno secco di latifoglie, vive o morte, spesso in incavi. Trovata  a Messina su un albero di Ficus benjamina, su Pioppo sui Peloritani e su Quercus suber sui Nebrodi.

Microscopia: Spore in massa di colore rosa, ellissoidali, 7-10 x 5-6,5 μm, lisce, inamiloidi a parete spessa, guttulate o biguttulate. Basidi 20-23 x 7,5-8,7μm tetrasporici con sterigmi brevi. Cistidi di varia forma. Giunti a fibbia assenti.

Commestibilità: considerata commestibile è da salvaguardare per la sua rarità.

 

Volvariella bombycina

Note: Si riconosce per il cappello biancastro o giallastro, interamente ricoperto da pelosità sericea, le lamelle rosate, la volva dal colore esterno ocraceo o brunastro e la crescita su legno.

 

Genere Volvopluteus

Si distingue per la volva sottile e cremosa, friabile, non saccata, per le spore di lunghezza superiore a 11 µm e per la pileipellis costituita da una ixocutis di ife sottili incorporate in una matrice gelatinosa.

 

Volvopluteus earlei f. acystidiatus (N.C. Pathak) Vizzini, Contu & Justo

Volvariella acystidiata N.C. Pathak

Cappello: 1,5-4 cm, poco carnoso, convesso, poi piano convesso, con piccolo umbone ottuso, senza resti di velo generale; bordo sottile, brevemente striato. Cuticola lucida, leggermente appiccicosa,  di colore bianco con fibrille concolori, con piccolo umbone ottuso leggermente ingiallente a maturità.

Imenoforo: lamelle libere, distanti dal gambo, poco fitte, ventricose, ondulate, erose, presto rosa tenue, poi rosa salmone, con lamellule di varie lunghezze.

Gambo: 3-8 x 0,2-0,4 cm, pieno, poi fistoloso, cilindrico, allargato alla base ma non bulboso, sericeo, con sottilissima scanalatura sull'intera lunghezza, bianco. Volva sottilissima, non sempre distinguibile, inguainante ma bassa, priva di lobi, bianca, quasi trasparente.

Carne: tenera, sottile, bianca, sapore ed odore erbaceo.

Habitat: rara specie tropicale, cresce dall'estate all'inverno tra graminacee.  In Italia segnalata dalla Sardegna e dal lago Trasimeno. La nostra raccolta proviene da un prato artificiale abbondantemente innaffiato di Festuca arundinacea, sulla costa di Rometta Marea (ME) a circa 15 m s.l.m.

Commestibilità: non commestibile.

Microscopia: Spore rosa salmone in massa, da ellissoidi a oblunghe, lisce, a parete spessa, con apicolo prominente, non amiloidi, nostre misure:

(11.4) 12.6 - 14.8 (16.2) x (7.4) 7.6 - 9 (9.9) µm

Q = 1.50 - 1.7 ; N = 50.  Me = 13.8 x 8.4 µm ; Qe = 1.6

Basidi clavati, prevalentemente tetrasporici, 27-40 x 12-15 µm. Cheilocistidi e pleurosticidi non rilevati.

Volvopluteus earlei basidi e spore

 

 

Volvopluteus earlei f. acystidiatus

Note:  Volvopluteus earlei, all'interno del Genere, si distingue per il colore bianco, il portamento esile e le dimensioni piccole, con cappello inferiore a 5 cm di diametro, la volva sottilissima, indistinta, i pleurosticidi assenti o molto rari, i cheilocystidi che di solito sono rostrati.  V. earlei è una specie tropicale che in Europa cresce in giardini artificiali irrigati.

La forma acystidiatus non possiede cheilocistidi e pleurocistidi.

Volvariella cookei Contu, caratterizzato da cistidi clavati con una appendice molto lunga e sottile, è considerata un sinonimo di V. earlei.

Volvopluteus gloiocephalus (nell'aspetto Volvariella gloiocephala var. speciosa) possiede colorazione bianco avorio ma è di dimensioni maggiori, ben robusta, cappello inizialmente conico campanulato, volva ben distinguibile pur se fragile, spore più grandi e cheilocistidi clavati o fusiformi con apice allungato.

Alcune Volvarielle bianche hanno aspetto simile. Le più rassomiglianti sono:

Volvariella hypopitys 1,5-5 cm, possiede cappello fibrilloso e gambo feltrato, volva membranosa suddivisa in lobi e spore 6-8,5 x 3,5-6 µm.

Volvariella pusilla (V. parvula), piccolissima, 1-2 cm, fibrillosa, possiede volva esternamente pelosa, membranosa, libera e lobata, spore 5,5-7,5 x 3,5-5,5 µm.

 

Volvopluteus gloiocephalus  (DC.) Vizzini, Contu & Justo

Volvariella gloiocephala (De Cand) Boek. & Enderle

Volvariella gloiocephala var. speciosa (Fr.) Bon

Cappello: 6-15 cm, inizialmente conico, poi campanulato, infine spianato, talvolta umbonato. Cuticola liscia, grassa e vischiosa, lucente a tempo umido, opaca e fibrillosa a tempo secco, igrofana. Di colore bianco-grigio, grigio, grigio bruno, grigio verde.

Imenoforo: Lamelle fitte, ventricose, libere, bianche, poi grigio rosate, infine bruno rosate, con tagliente seghettato.

Gambo: 8-20 x 1-2 cm, diritto, attenuato all'apice ed ingrossato alla base, bulboso, pieno, di consistenza fragile. Asciutto e fibrilloso, pruinoso in alto. Di colore bianco brillante, poi grigio, infine grigio brunastro.

Volva grande, sottile, membranosa ma fragile, molto aderente, staccata solo all'apice, bilobata, di colore bianco, bianco grigio.

Carne: Tenera, molle ed elastica, bianca, bruna sotto la cuticola. Odore e sapore rafanoidi, sgradevoli.

Habitat: specie comune nei nostri campi, cresce a gruppi numerosi, dalla primavera all'autunno inoltrato, in orti e terreni concimati.

Commestibilità: Commestibile ma di pessime qualità organolettiche. Attenzione a non confonderla con Amanita phalloides.

 

Microscopia: Spore in massa di colore rosa, ellittiche e lisce, gialline al microscopio, 12-17 x 7-10µm. Basidi clavati, tetrasporici. Pleurocistidi presenti, di forma simile.

 

Basidi e spore

 

Ingrandisci

Volvopluteus gloiocephalus

Note: Volvopluteus gloiocephalus nell'aspetto Volvariella gloiocephala var. speciosa si presenta di colore bianco avorio, con umbone ocra, solo a maturità assume colorazione rosata del cappello per effetto della colorazione sporale.

 

 

 

 

Chiavi Funghi
Agaricus
Ag. - Au.
Amanita
Armillaria
Ascomycetes
Boletus
Boletopsis-Battarrea
Cantharellaceae
Coprinus s.l.
Cortinarius
C- Clitocybe
D- Daldinia
E- Entoloma
F- Fistulina
G - Gyroporus
Helvella
H - Hygrophorus
Hypholoma
Inonotus
Lactarius
Leccinum
L- Limacella
Lycoperdon
Macrolepiota
M-Morchella
Mycena
Nyctalis
O-Oudemansiella
Phallus
Pholiota
Pleurotus
Polyporales
P - Psilocybe
Ramaria- R
Russula
Sclerodermatales
Suillus
S- Stropharia
T-Tricholoma
Volvariella
X-Xerocomus

 

 

 


Cerca nel sito

Per cercare nella pagina utilizza il tasto "trova" del browser (CTRL+F)

 




Home Su Agaricus Specie Ag-Au Amanita Armillaria Ascomycetes Boletus Boletopsis Cantharellus Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Specie G Helvella Specie H Hypholoma Specie I Genere  Lactarius Genere Leccinum Specie L. Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Specie N Specie O Specie P Phallus Pholiota Pleurotus Polyporales Russula Specie R Sclerodermatales Suillus Specie S Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

Pagine viste dal 08/6/2014 

Privacy Policy

İ 2003-2017 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Contatti