MICOLOGIAMESSINESE

Hypholoma

Indietro     Home    Indice    Avanti

 

Alcune specie comuni del

Genere Hypholoma

 

 

Hypholoma fasciculare (Huds.: Fr.) Kummer

Falso chiodino

Hypholoma fasciculare Hypholoma fasciculare

Hypholoma fasciculare Hypholoma fasciculare

Hypholoma fasciculare

Cappello: 3-7 cm, emisferico, poi convesso, a maturità disteso-appianato, liscio, giallo-aranciato, giallo-ocraceo, rossiccio al disco. Orlo sottile a lungo incurvato, spesso sfrangiato.

Imenoforo: Lamelle molto fitte, annesse al gambo, inizialmente gialle, poi verdastre e infine grigio-violaceo o nerastre, filo intero concolore.

Gambo: 4,5-12 cm x 6-10 mm, slanciato, cilindrico, elastico, con resti cortiniformi, ħ concolore al cappello con base rugginosa. Pieno, poi farcito.

Carne: Tenace, gialla, brunastra alla base del gambo, di sapore amaro.

Habitat: Cresce su ceppi e legno marcescente di latifoglie e di conifere, in cespi di numerosi esemplari concresciuti, quasi tutto l'anno.

Microscopia: Spore lisce, ellittiche amigdaliformi, 6-7,5 x 4-4,5 µm.

Commestibilità: Specie tossica con effetti gastroenterici e lassativi. E' stato spesso confuso con Armillaria mellea e consumato con effetti tossici.

 

Note: Hypholoma fasciculare, chiamato anche falso chiodino, si distingue per la crescita cespitosa su ceppaie, sia di conifere che di latifoglie, il suo colore generale giallo, le lamelle presto su toni verdastri, poi violacee, l'assenza di anello sul gambo, il suo sapore amaro.

Può essere confuso con Hypholoma capnoides dai toni del cappello più caldi e brillanti, dal sapore non amaro e dalle lamelle grigio violacee senza sfumature verdastre.

Armillaria mellea, il vero Chiodino, ha cappello con toni mielati, più chiari, cosparso da fitte squamette, le lamelle bianche, il gambo più robusto, ornato da un anello, la carne bianca, la crescita su latifoglie varie, anche vive ed il sapore gradevole.

 

 

 

Hypholoma lateritium (Schaeff.) P. Kumm.

Hypholoma sublateritium (Fr.) Quél

Psilocybe lateritia (Schaeff.) Noordel.

 

Hypholoma lateritium

 Hypholoma lateritium Hypholoma lateritium sublateritium Hypholoma lateritium sublateritium Hypholoma lateritium sublateritium

 

Cappello: 3-12 cm, inizialmente emisferico-campanulato, poi guancialiforme, infine piano-convesso, raramente subumbonato; cuticola liscia, colorata di arancio rossastro, rosso laterizio, bruno rossastro, più scura al centro e con margine più chiaro, giallastro. Da giovane ricoperto da placche velari fibrillose crema biancastre, appendicolate all'orlo.

Imenoforo: lamelle fitte, adnato-smarginate, ondulate, con lamellule di varia lunghezza, di colore giallo verdognolo, poi grigio-olivastro con riflessi violacei, infine porpora-nerastre, con filo concolore o leggermente più chiaro.

Gambo: 5-14 x 0,6-1,2 cm, cilindrico, incurvato, farcito poi fistoloso; superficie fibrillosa, giallo pallido in alto, bruno rossastro nella metà inferiore, zona apicale con residui di velo cortiniformi, colorati di nerastro dalle spore.

Carne: tenace, fibrosa nel gambo, crema giallastra, bruno rossastra alla base del gambo; sapore sgradevole amarescente. Odore leggero, fungino.

Habitat: cresce cespitoso su legno e ceppaie, preferibilmente di latifoglie, quasi tutto l'anno.

Microscopia: spore bruno porpora in massa, ellittiche, 5,5-7,5 x 3,5-4,5 µm. Pleurocistidi clavati ad apice ricurvo.

Commestibilità: Non commestibile.

 

Note: Hypholoma lateritium si distingue per la crescita cespitosa ed il cappello color rosso rubino da giovane, poi rosso mattone, inizialmente ricoperto da placche velari biancastre. Presenta una certa variabilità nelle colorazioni e nelle dimensioni. Hypholoma lateritium f. permagna (Bres.) Ludwing 2000, è illustrato dal Bresadola come specie robusta cui possono essere ricondotti gli esemplari dell'ultima foto.

Per la colorazione rossastra può essere confuso con Pholiota astragalina che però non presenta colorazione delle lamelle violacee.

 

 

Hypholoma radicosum  J.E. Lange

Hypholoma epixanthum var. radicosum (J.E. Lange) Bon & P. Roux

 Hypholoma radicosum

Hypholoma radicosum

 

Cappello: 3-8 cm, inizialmente conico, poi convesso, infine piano-convesso, con leggero umbone ottuso e con margine regolare poi rotto nel maturo. Rivestendo pileico da avorio luccicante, ocraceo pallido a giallastro-marrone, con disco più scuro, bruno-arancio. Da giovane coperto di un denso velo sericeo bianco.

Imenoforo: Lamelle annesse, da colore crema a beige, poi violacee-oliva, alcune più pallide, qualcuna dentata.

Gambo: Molto lungo, 5-13 x 0,6-1,2 cm, cilindrico con base affusolata che penetra profondamente nel substrato, fibroso, pieno e poi cavo. Pruinoso, biancastro in alto e squamuloso screziato di bruno nella parte medio-bassa. Zona anulare fugace.

Carne: Giallastro pallido nel cappello, più gialla verso la base del gambo. Odore: abbastanza forte, sgradevole. Sapore molto amaro.

Habitat: Poco comune, cresce saprofita su legno o substrati decomposti, preferibilmente di conifere.

Microscopia: Spore violacee-marrone in massa, ellittiche, 5,5-7,5 x 3,5-4,5 µm.

Commestibilità: Non commestibile.

 

Note: Hypholoma radicosum si distingue per il gambo molto radicante e squamuloso, il cappello molto pruinoso, l'odore forte e sgradevole, il sapore amaro e la crescita isolata o in piccoli gruppi su legno di conifere.

 

 

 

Vedi anche: Genere Helvella

   

 

Vedi anche: Genere Hygrophorus

  Hygrophorus hypothejus 

 

Vedi anche gli altri Funghi H..

  Ingrandisci: Hohenbuehelia geogenia  Ingrandisci  Ingrandisci Hygrophoropsis aurantiaca

 

 

Vedi anche tutte le specie trattate nell' Indice fotografico

 



Home Su Agaricus Specie Ag-Au Aleuria Amanita Armillaria Ascomycetes Auricularia Boletus Boletopsis Calocybe Cantharellaceae Clavarie Clitocybe Collybia Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Ganoderma Specie G Gymnopilus Gyroporus Helvella Specie H Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Genere Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Macrolepiota Specie M Mycena Mycenastrum Nyctalis ASTEROPHORA Specie O Oudemansiella Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Polyporales Psathyrella Ramaria Russula Specie R Sclerodermatales Stropharia Suillus Specie S Tapinella Tremella Tricholoma Specie V Specie X Sistemi nutrizionali

 

Pagine viste dal 08/6/2014   

Utenti connessi

 

İ 2003-2021 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario

Contatti