MICOLOGIAMESSINESE

Calocybe

Indietro  Home  Indice  Avanti

Alcune specie del Genere Calocybe

 

Calocybe gambosa (Fr.) Donk

Lyophyllum gambosum  (Fr.) Singer
Tricholoma georgii  (L.) QuÚlet

Calocybe gambosa  Calocybe gambosa

Calocybe gambosa  o  Lyophyllum gambosum

Cappello: 5-12 cm, carnoso, emisferico, poi convesso, infine piano-convesso, con il margine liscio, prima involuto poi regolare, ondulato. Cuticola asciutta, liscia e opaca, talvolta screpolata, da bianco-crema a giallo, talvolta grigio-nocciola.

Lamelle: fittissime, strette, adnate o smarginate, diritte, bianche o crema pallido.

Gambo: 5-8 x 1-3 cm, slanciato o tozzo, cilindrico o leggermente clavato, asciutto, pruinoso, pieno poi farcito, bianco poi color crema, ocraceo al piede.

Carne: Spessa e soda, bianca o crema, immutabile, con odore e sapore forte e caratteristico di farina o pane fresco.

Habitat: Cresce in primavera sia nei prati che nei boschi di latifoglie, con preferenza per il Pioppo, Quercia, Carpino e Frassino. In letteratura indicata crescita presso Rosaceae.

Microscopia: Spore bianche in massa, ovoidali, lisce, 4-6 x 2-4 Ám. Basidi 20-25 x 3-5 Ám, tetrasporici, con giunti a fibbia.

CommestibilitÓ: Commestibile e ricercato anche se non da tutti gradito, si presta alla conservazione essiccato o sott'olio. Attenzione a non confonderlo con specie velenose del periodo, come Inocybe patouillardi e, gli esemplari bianchi, con  Amanita verna  ben diversa per la volva e l'anello.

 

Note: Alcuni AA considerano la specie appartenente al genere Lyophyllum, Sez. Calocybe, altri considerano il genere separato.

Calocybe gambosa si distingue per il periodo di crescita primaverile, il portamento da Tricholoma, il cappello carnoso, da color crema a giallastro, le lamelle fitte e diritte, il forte odore e sapore di farina fresca.

La Calocybe gambosa ha un habitat di crescita molto vasto ma cresce sempre in determinati luoghi. In letteratura viene indicata crescita generica presso Rosaceae ma la nostra esperienza ha individuato una preferenza per Pioppo, Carpino e Frassino. Spesso Ŕ nascosta tra i rovi ma questi credo contribuiscano solo a nasconderla ed ombreggiarla in quanto se mancano le essenze citate inutile cercarle.

Gli esemplari con tonalitÓ giallo vivace vengono separate nella Calocybe gambosa var. flavida Bell¨ & Turrini, dai nostri ritrovamenti misti riteniamo sia una semplice forma ecologica.

Specie simili con le quali Ŕ possibile confonderla, considerato anche il periodo di crescita sono:

Entoloma clypeatum ed Entoloma sepium, il primo grigiastro ma schiarente a secco, il secondo biancastro. Entrambi con leggero umbone, lamelle a maturitÓ rosate, pi¨ panciute e non diritte come quelle di Calocybe gambosa.

Calocybe gambosa

Esemplari di  Calocybe gambosa var. flavida

 

Calocybe ionides (Bull.: Fr.) Donk

Lyophyllum ionides (Bull.: Fr.) KŘhn. & Romagn.
Rugosomyces ionides (Bull.: Fr.) Bon

  Calocybe ionides  Calocybe ionides, Lyophyllum ionides  Calocybe ionides, Rugosomyces ionides  Calocybe ionides, Lyophyllum ionides

 Calocybe ionides

Cappello: 2-6 cm, poco carnoso, convesso, poi spianato con centro leggermente depresso, pulvinato, secco, glabro, di colore viola bluastro, viola ametista, pi¨ scuro al disco.

Lamelle: fitte, sottili, uncinate adnate o leggermente decorrenti, bianche o biancastre.

Gambo: 3-6 x 0,2-0,7 cm, cilindrico, attenuato in alto, fibrilloso-striato, concolore al cappello o pi¨ pallido, con feltro basale biancastro.

Carne: Bianca immutabile. Odore e sapore leggeri, farinacei.

Habitat: Cresce gregario o cespitoso in boschi umidi e ricchi di humus, preferibilmente di conifere ma anche di latifoglie, da fine estate all'autunno. Poco comune.

Microscopia: Spore ellissoidali o subfusiformi- allungate, pluriguttulate, 5-6 x 2,5-3,5 Ám. Basidi tetrasporici, con giunti a fibbia, 18-22 x 4,5-5,5 Ám.

CommestibilitÓ: Senza valore alimentare.

 

Note: Si distingue facilmente per il colore violaceo del cappello e del gambo, in contrasto col colore bianco delle lamelle. Gli esemplari pi¨ grossi possono essere scambiati a prima vista con Lepista nuda che presenta lamelle rosa-lilla e non fa odore farinaceo.

 

 

Vedi anche:

Cantharellaceae

  Cantharellus cibarius.jpg (81354 byte) 

Clitocybe

Clitocybe geotropa.JPG (81173 byte) 

Genere Coprinus

  Coprinus picaceus  Coprinus micaceus.JPG (119819 byte)

Genere Cortinarius

   

Altre Specie C..

       

Clitocybe geotropa.JPG (81173 byte)  Clitopilus prunulus.JPG (83409 byte) Coltricia perennis.jpg (87488 byte)


 

Home Su Agaricus Specie Ag-Au Aleuria Amanita Armillaria Ascomycetes Auricularia Boletus Boletopsis Calocybe Cantharellaceae Clavarie Clitocybe Collybia Coprinus s.l. Cortinarius Specie C Specie D Entoloma Specie F Ganoderma Specie G Gymnopilus Gyroporus Helvella Specie H Hygrophorus Hypholoma Inocybe Inonotus Genere  Lactarius Genere Leccinum Lepista Leucopaxillus Lycoperdon Macrolepiota Specie M Morchella Mycena Mycenastrum Nyctalis ASTEROPHORA Specie O Oudemansiella Specie P Phallaceae Pholiota Pleurotus Podoscypha Polyporales Psathyrella Ramaria Russula Specie R Sclerodermatales Stropharia Suillus Specie S Tapinella Tremella Tricholoma Specie V Xerocomus

 

Pagine viste dal 08/6/2014   

Utenti connessi

 

ę 2003-2021 F. Mondello. Tutti i diritti riservati.
E' vietato riprodurre foto e testi di questo sito senza autorizzazione.

Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario

Contatti